Connessioni cerebrali: tra big data e sistemi complessi. L'intervento di Giovanni Petri alla “Settimana del cervello” di Torino

Dall'11 al 16 marzo a Torino c'è “La settimana del cervello”. Promossa da CentroScienza Onlus, nell'ambito di un progetto internazionale di DANA Alliances for Brain Initiatives e FENS (Federation of European Neuroscience Societies), la manifestazione si sviluppa attraverso una serie di incontri con neurologi, filosofi, scienziati. Obiettivo: esplorare le contaminazioni tra neuroscienze e nuove conoscenze digitali, coinvolgendo settori all'avanguardia come intelligenza artificiale, big data e medicina di precisione.

Martedì 12 marzo alle 21 l'appuntamento è con l'ISI Foundation Research Leader Giovanni Petri, che presenterà un intervento sulla complessità delle connessioni cerebrali. “Una nuova e importante frontiera delle neuroscienze è lo studio della connettività celebrale”, spiega Petri. “Nel nostro cervello opera un network dall'enorme complessità, con la capacità di cambiare continuamente nel tempo: il suo studio rappresenta una sfida che è inevitabile accettare”.

Petri mostrerà come le idee e i modelli dello studio dei sistemi complessi siano ormai protagonisti nel settore delle neuroscienze, uno dei campi in cui l'approccio ai big data tende a essere più efficace e necessario. Saranno passate in rassegna le tecniche più innovative di registrazione e rappresentazione dei dati, così come quelle di analisi utilizzate per studiare le connessioni cerebrali, e l'intervento si concluderà con una riflessione sul valore interpretativo delle descrizioni costruite attraverso questi approcci.

La mente si parla: la complessità delle connessioni cerebrali”, Giovanni Petri. Martedì 12 marzo 2019, ore 21, Circolo dei Lettori (via Bogino 9, Torino).